Il lavoro di Lee Tiernan parla da solo. Nessun PR alla moda, nessuna scorciatoia da influencer, solo pura creatività e cibo interessante lo hanno portato dov'è oggi. Tiernan ha iniziato in una delle migliori cucine di Londra, dove ha lavorato freneticamente per 10 anni, fino a quando ha dato vita al Black Ax Mangal con sua moglie Kate. Da lì, il loro lavoro e la loro dedizione si sono trasformati in uno dei progetti più entusiasmanti del mondo culinario, ottenendo un importante consenso e conquistando una base di fan internazionali. L'autenticità e l'impegno di Tiernan nei confronti dell'originalità rendono noi di YETI orgogliosi e curiosi per ciò che ci riserva il futuro.

D:
 
Qual è il tuo primo pensiero al mattino quando cucini?
 
R:
 
In genere, la prima cosa che mi viene in mente è quante volte posso spegnere la sveglia prima di alzarmi, la seconda è una tazza di tè, alcuni non riescono a partire senza il caffè. A me succede lo stesso con il tè. Poi organizzo i bambini per la scuola, quindi posso iniziare a mettere insieme la mia giornata a seconda di quello che mi aspetta, un servizio intenso al ristorante o qualcosa di emozionante come un evento o un incarico di catering esterno.
 
D:
 
Qual è il tuo posto preferito per cucinare?
 
R:
 
Il mio ambiente preferito per cucinare è sempre stato e sarà sempre all'aperto. Inverno, primavera, estate o autunno, giorno o notte. Preferibilmente davanti a un grande falò, con qualche birra fredda in mano e in buona compagnia.
 
D:
 
Raccontaci la tua storia preferita di una giornata all'aperto.
 
R:
 
Un dolce ricordo è il giorno in cui mio padre mi ha permesso di saltare la scuola per andare a pescare insieme. Abbiamo pescato solo alcuni pesciolini, ma abbiamo cucinato il pranzo e condiviso del tempo nei grandi spazi aperti, che secondo me è proprio il significato più profondo della pesca. Catturare i pesci è solo una cosa in più.
 
D:
 
Come riesci a migliorarti anno dopo anno?
 
R:
 
Cerco di lavorare su me stesso per allontanarmi dalle cattive abitudini. Cerco costantemente di migliorare la mia tecnica e di semplificare la mia narrazione, ricordando al contempo di mantenere le cose il più possibile divertenti. La collaborazione è un aspetto in cui mi impegno. È una gioia lavorare con gli altri e imparare così tanto nel frattempo. Di recente ho iniziato a capire che raggiungere l'equilibrio è essenziale per perseguire la felicità e il benessere.
 
D:
 
Se potessi fare meglio qualcosa, cosa sarebbe?
 
R:
 
Niente. Sono perfetto. Ok. Scherzavo... cerco sempre di essere migliore, di essere un papà migliore, un cuoco o un marito, un amico migliore... non penso mai “sono arrivato! Non devo più provare perché non potrò mai essere migliore di così”, c'è sempre spazio per migliorare.
 
D:
 
Chi sono i tuoi eroi? Da chi prendi esempio?
 
R:
 
I miei genitori sono davvero leggendari. Mia moglie è davvero una tipa tosta. Tom Waits è una persona che ho sempre ammirato per la sua individualità e la sua visione incrollabile della sua arte. La famiglia Gubbeen in Irlanda per loro eccezionale produttività e per il loro essere meravigliosi in generale. Trevor Gulliver e Fergus Henderson per avermi messo sulla strada giusta per realizzare la mia carriera. È una domanda difficile. Più invecchio, più ammiro gli altri, i lavoratori essenziali, i medici, gli infermieri, le persone che servono le loro comunità, giusto per citarne solo alcuni. Mai come ora son stato più grato e consapevole del fatto che gli sforzi e l'impegno degli altri migliorano la società per tutti noi.
 
D:
 
Cosa non hai ancora fatto ma che vorresti fare nella tua vita?
 
R:
 
Vorrei fare di più per gli altri nella mia vita: fare la differenza, aiutare dove posso e dove serve. Vorrei scrivere un altro libro.
 
D:
 
Quale parte di te, o di ciò che fai, riflette una certa irrequietezza?
 
R:
 
Penso che l'evoluzione del mio cibo rifletta il mio essere irrequieto. La mia attenzione può anche essere breve, ma in quel momento faccio tantissimo, poi passo a qualcosa di diverso prima di ritornare per smontare e ricostruire l'idea originale. In fondo, un obiettivo in movimento è più difficile da colpire, no? Mantiene le cose interessanti per tutti.
 
D:
 
Se c'è un rapporto di amore-odio con qualsiasi aspetto di ciò che fai, puoi descrivere che cos'è?
 
R:
 
Il tempo. Non ci sono abbastanza ore al giorno per fare tutto. A volte è difficile dividermi tra lavoro e casa. Trovare il giusto equilibrio è fondamentale.
 
D:
 
Quali sono i suoni o i rumori che ami?
 
R:
 
Il suono delle persone che si divertono.
 
D:
 
Sono più felice quando...
 
R:
 
Sono più felice quando cucino all'aperto con una birra fredda e in buona compagnia.
 
D:
 
Se potessi portare con te una persona qualunque (viva o morta) per fare insieme a te ciò che ami, chi sarebbe?
 
R:
 
Andrei a pescare con Tom Waits.
 
D:
 
Cosa significa YETI per te?
 
R:
 
YETI garantisce qualità, affidabilità e durata al 100%. Ho la massima fiducia nel prodotto.
 
D:
 
Cosa significa essere fatti per la natura selvaggia?
 
R:
 
Essere fatti per la natura selvaggia significa affrontare qualsiasi sfida che Madre Natura mette sulla nostra strada. Il team di YETI prende in considerazione questo aspetto in ogni fase della progettazione, massimizzando le qualità estetiche, pratiche e di resistenza di tutti i prodotti.
 
D:
 
Come racconteresti che cos'è YETI a qualcuno che non lo sa?
 
R:
 
Che tu stia utilizzando la tua attrezzatura YETI nella natura o trasportando cibo e prodotti per un evento di catering esterno, hai bisogno di attrezzature su cui fare affidamento e da usare per tanto tempo. Tutti noi abbiamo un coltello, una borraccia o una borsa di cui ci fidiamo ciecamente, no? YETI è proprio questo. YETI è un prodotto su cui poter contare per anni e anni, e renderà migliore qualsiasi attività o ricerca all'aperto.
 
D:
 
Di quale prodotto YETI non puoi più fare a meno?
 
R:
 
Il prodotto YETI che uso maggiormente è la borraccia Rambler® da 532 ml. Si adatta al gancio della mia bicicletta da ginnastica e mantiene il tè caldo per ore. Ma il mio preferito invece è lo zaino termico morbido Hopper Backflip®. Un prodotto così affidabile, mi piace poterlo trasportare sulle spalle. Ho preso cibi sensibili alla temperatura all'estero e non mi ha mai deluso.
 
D:
 
Quali altri prodotti YETI usi, eventualmente? Come utilizzi uno specifico prodotto YETI nel tuo mercato? Qual è il tuo aspetto o caratteristica preferito del tuo YETI?
 
R:
 
La ghiacciaia su ruote Tundra Haul®. Utilizzo un impasto sensibile alla temperatura al Black Ax Mangal. Se si surriscalda troppo, lievita e non può essere utilizzato. Lo so senza ombra di dubbio perché l'ho fatto mille volte, posso trasportare l'impasto in tutta sicurezza senza dovermi preoccupare di rovinarlo.
 
D:
 
In che modo un prodotto YETI ha cambiato il tuo lavoro o il modo in cui lo svolgi?
 
R:
 
YETI mi ha dato maggiore fiducia negli eventi che si svolgono al di fuori del mio ristorante. Quando lavoro al di fuori del ristorante, il segreto è controllare le variabili. YETI mi aiuta a raggiungere questo obiettivo. YETI mantiene il cibo freddo o caldo, intatto e ordinato. YETI mi aiuta letteralmente nella gestione dello stress. Le ghiacciaie sono piacevoli da usare.
 
D:
 
Cosa fai per rilassarti?
 
R:
 
Recentemente ho riscoperto il valore dell'attività fisica. L'esercizio fisico mi mantiene in ottima salute mentale e fisica. Adoro trascorrere il tempo con i miei figli, moglie, familiari e amici.

yeti